La Collina della Vita di Fabriano che insegna ai bimbi a coltivare ringrazia Italia Terricci per il sostegno

Un progetto bellissimo di cui Italiana Terricci si è subito innamorata per il suo alto valore formativo ed educativo: La Collina della Vita di Fabriano compie tre anni, spesi insegnando ai più piccoli a coltivare, recuperando il rapporto con la natura e la terra.

La Collina della Vita di Fabriano

A raccontare i tre anni di questo progetto a RadioGold è Pietro Morelli, fra i fondatori della Collina della Vita, associazione ONLUS costituita nel 2017 da un gruppo di genitori che da alcuni anni opera e collabora con la scuola Marco Mancini dell’Istituto comprensivo A.Moro di Fabriano. Dalle prime sperimentazioni in classe con vasetti e piccole colture si è poi passati a ricavare uno spazio esterno – di proprietà comunale – vicino alla scuola. E’ stato fatto un gran lavoro per rendere la terra coltivabile: sono stati piantati anche alcuni alberi da frutto per creare una “foresta alimentare“.

Italiana Terricci per i bimbi

L’Associazione agisce per la promozione e il benessere psico-fisico, relazionale, sociale, educativo e morale dei bambini e dei ragazzi.
Tutte le attività sono ispirate al completo rispetto della persona umana senza distinzione di provenienza, razza, cultura, religione, condizione sociale, come indicato dalla convenzione dell’ONU.
Promuove, finanzia e sostiene attività e progetti con finalità di supporto al completamento della formazione dello studente. Morelli ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto il progetto, fornendo risorse e materiali per realizzare questo bel sogno in una realtà concreta. Italia Terricci ha contribuito donando due autotreni di terriccio all’associazione.

“Alcuni sostenitori ci hanno sorpreso per la generosità delle loro donazioni, soprattutto la Italiana Terricci del Gruppo Valagussa che dal Lago di Como ci ha inviato due autotreni di terriccio che è stato utilizzato tutto l’anno per sistemare vari aree verdi della città.

QUI L’ARTICOLO INTEGRALE

Intanto il parco didattico cresce e germoglia e le attività fervono. Un splendida iniziative per connettere i più piccoli con la natura, orgogliosi di aver contribuito a renderla possibile. Buon lavoro!