Sui balconi lombardi si coltiva: +37% di orti urbani

Non solo fiori e piante ornamentali, ma anche lattughe, rucola, basilico, prezzemolo, pomodori, melanzane e tante altre specie orticole. Sono sempre più numerosi gli appezzamenti di terra nelle città lombarde dove gli “urban farmers” coltivano frutta e verdura. Negli ultimi 5 anni gli spazi dedicati agli orti urbani in Lombardia sono cresciuti del 37%, con 200 mila metri quadri destinati alla coltivazione. I dati arrivano da Coldiretti.
Gli orti urbani si possono fare ovunque, anche su un piccolo balcone: fondamentale è scegliere il giusto terriccio e soprattutto i contenitori idonei, anche in virtù di cosa si intede coltivare per consentire il giusto sviluppo alle colture.
Continua dunque, anche in città, la rivincita green. Non soltanto il classico orto per chi ha la fortuna di disporre di un appezzamento; come confermano i dati la nuova tendenza è quella di coltivare anche nelle metropoli, ritagliandosi spazi fisici deputati alle colture. I benefici psicologici del giadinaggio sono molteplici e sempre più persone, cittadini compresi, sembrano averli scoperti e non volerne più fare a meno.