Prodotti biologici attenti all’impatto ambientale:

Le nostre terre sono perfette per coloro che vogliono portare in tavola prodotti biologici: senza concimi e additivi chimici. Il vostro orto, i fiori, le aree verdi saranno sane e sicure, grazie all’attenta miscela – ricca di sostanze nutritive di natura organica – che Italiana Terricci offre ai clienti. Ma non ci fermiamo qui: non conta solamente il “proprio pezzo di terra”, ma il benessere del pianeta, motivo per il quale grande attenzione è dedicata anche al tema dell’impatto ambientale che la nostra azienda si impegna a ridurre concretamente di anno in anno.

Italiana Terricci: terra naturale certificata per prodotti bio

Che senso ha prendersi cura con amore e dedizione delle proprie colture, assicurandosi di portare in tavola prodotti coltivati e cresciuti sotto i propri occhi, se la terra in cui vengono fatti crescere non è, a propria volta, sicura, naturale e certificata? Il prato, il terrazzo, le aree verdi: in queste oasi green il concetto di naturalità non può essere oggetto di compromesso. Italiana Terricci è la risposta per chi cerca garanzie qualitative. Le nostre terre vengono vagliate e miscelate per ottenere prodotti ricchi di sostanze nutritive e matrici organiche ammendanti. Prive di concimi e additivi chimici, rappresentando così il prodotto perfetto per coltivazioni biologiche.
Per certificare queste caratteristiche preziose, la nostra terra viene periodicamente analizzata daenti certificatori esterni riconosciuti a livello nazionale. Chi si affida a noi può contare sulla totale trasparenza.
Qui è possibile consultare la scheda delle analisi effettuate sulla nostra terra, che ne confermano gli standard di qualità, naturalità e sicurezza.

Ridurre l’impatto ambientale

Il nostro impegno non si ferma qui. La nostra terra fa bene alla Terra. Come? Limitando il nostro impatto ambientale e sposando una visione “green” della filiera produttiva e logistica. Per impatto ambientale si intende l’alterazione dell’ambiente in conseguenza dell’attuazione sul territorio di piani, programmi o progetti nelle diverse fasi della loro realizzazione. In parole povere ci impegniamo a non “stressare” ulteriormente il pianeta con scelte sostenibili.
Per questo motivo Italiana terricci ha deciso di evitare l’utilizzo di torba e fibra di cocco nelle proprie miscele per ridurre l’impatto ambientale. L’estrazione della torba (bonifica terreni, fresatura, asciugatura) e la produzione della fibra di cocco (lavaggio ripetuto con acqua potabile, asciugatura, pressaggio), uniti alle lunghe tratte coperte da autoarticolati e navi mercantili per portarli a destinazione, creano infatti elevate emissioni di CO₂.
Torba
Il tema della consapevolezza è capitale, soprattutto in uno scenario storico delicato come quello attuale, in cui un cambio di rotta è pressoché inevitabile. Se danneggiate, le torbiere sono fra le principali fonti di emissioni e rilasciano ogni anno quasi il 6% della CO2 di origini antropogeniche. È ciò che è successo finora per via della mancata consapevolezza sui benefici e i pericoli. Non soltanto le riserve di torba sono state sfruttate come vero e proprio combustibile, ma anche nella produzione agricola. Ormai circa il 15% delle torbiere del mondo è stato prosciugato, rilasciando enormi quantità di gas serra nell’atmosfera.
Garantire soluzioni alternative non è scontato, ma necessario per la collettività.