Cosa seminare a marzo

Ci siamo, la primavera è arrivata. Il clima è ancora rigido, ma i prati ci raccontano già del risveglio della terra, costellata di fiori. Ortisti, ma anche coltivatori da terrazzo (tendenza sempre più in crescita): cosa seminare a marzo?
Largo alla semina di grandi classici come patate e altri tuberi. In pieno campo via libera a diverse verdure a foglia come bietole, coste, valeriana, spinaci, rucola, lattuga, cicoria, prezzemolorapanelli, carote, fagioli, peperoni e pomodori.
A marzo si possono seminare anche meloni e angurie, per assicurarsi un’estate ricca di ottima frutta di stagione.
Sui balconi lombardi si coltiva, eccome!
In vaso, sul balcone o sul terrazzo
Come accennato è in forte ascesa in molte case italiane la presenza di una sezione di colture in vaso sui terrazzi o in piccoli giardini d’inverno e serre bioclimatiche. Del resto coltivare fa bene sia a livello psicologico sia al corpo, potendo portare in tavola prodotti di sicura provenienza. Ricordando che marzo è il periodo ideale per seminare bene, ecco cosa è perfetto per terrazzi e balconi (anche per via delle dimensioni agevoli). Ecco tre idee:
BASILICO: perfetto per cominciare, non necessita cure particolari e garantisce buoni risultati. Assicuratevi che il vaso sia profondo una ventina di centimetri, una buona esposizione solare e non dimenticate un’innaffiata quotidiana. In un paio di mesi, in corrispondenza dell’inizio dell’estate, vedrete che trionfo di foglie profumate.
FRAGOLE: Azzardate! Il frutto goloso per eccellenza può germogliare sul vostro balcone. Per crescere rigogliose necessitano di vasi (possibilmente singoli) profondi almeno 30 centimetri e larghi altrettanto. Nel giro di massimo 80 giorni dal trapianto le piantine di fragola cominceranno a produrre i primi frutti, continuando il ciclo fruttifero per circa un mese.
PEPERONCINO: Perfetto per il vostro cittadino; fra le migliori varietà ci sono Jalapeno, Tabasco e Habanero. Per crescere hanno bisogno di vasi o contenitori, meglio se singoli, profondi almeno 30 centimetri e larghi circa 25 cm. Dopo averle posizionate al sole, vanno innaffiate leggermente. Nel giro di 80, massimo 100 giorni, cominceranno a produrre i primi frutti.
Per essere sicuri di ottenere buoni risultati, oltre alla vostra cura, è importante anche utilizzare un ottimo compost, totalmente naturale. A questo pensiamo noi.